Un’alimentazione più sana, uno sviluppo più sostenibile.

Etichette trasparenti

Una carta d’identità ricca di informazioni per una maggior consapevolezza del consumatore.

 

La chiave per una vita salutare è un’alimentazione variata ed equilibrata. La conoscenza della composizione nutrizionale dei cibi è quindi fondamentale per poter scegliere una dieta sana.
Per questo è importante saper leggere l’etichetta dei prodotti alimentari, una specie di “carta d’identità” che ci fornisce informazioni fondamentali quali:

La ricetta - Gli ingredienti utilizzati sono elencati in ordine decrescente di peso. Se nella denominazione del prodotto è menzionato un ingrediente che caratterizza il prodotto stesso (ad esempio: merendina al cioccolato), accanto all’ingrediente in questione sarà indicata la percentuale in cui l’ingrediente è presente nella composizione del prodotto.
La composizione nutrizionale - Ovvero il valore energetico (calorie) e i principali nutrienti contenuti nell’alimento: proteine, carboidrati (zuccheri), grassi, fibre, vitamine e minerali.

L’etichetta nutrizionale non è ancora obbligatoria (lo diventerà a partire dal 13 dicembre 2016), tuttavia le aziende associate hanno scelto volontariamente di fornire ai consumatori queste informazioni sulla confezione. L’AIDEPI, fin dal 2004, aveva messo a punto delle “raccomandazioni” per l’adozione volontaria dell’etichettatura nutrizionale, prevedendo l’indicazione almeno dei 4 elementi principali (calorie, proteine, carboidrati e grassi) per 100 grammi di prodotto e per porzione. Come informazione aggiuntiva all’etichetta nutrizionale, l’AIDEPI raccomanda anche l’adozione volontaria dell’indicazione del contributo che una porzione di prodotto fornisce alla dieta in valore assoluto e in percentuale rispetto al fabbisogno giornaliero.